Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Esami e visite

Chirurgia della cataratta

La cataratta è una patologia che si presenta con l’avanzare dell’età e colpisce soprattutto gli ultra sessantacinquenni. In alcuni casi può manifestarsi anche in seguito a traumi oculari, esposizione a raggi ultravioletti, malattie sistemiche, uso di particolari farmaci o già al momento della nascita (in questo caso si parla di cataratta congenita).
Consiste nel opacizzazione del cristallino, la lente dell’occhio che si trova tra iride e corpo vitreo, e causa difficoltà di visione. L’unica soluzione per il corretto ripristino della capacità visiva è l’intervento di sostituzione del cristallino.

 

COME SI SVOLGE L'INTERVENTO?

L’intervento di chirurgia della cataratta si svolge in due fasi (precedute dall’applicazione di collirio anestetico):

  1. viene rimosso il cristallino opacizzato del paziente
  2. viene inserita al posto del cristallino una lente artificiale.

Per accedere al cristallino il medico effettua una incisione di circa 3 millimetri; generalmente la lente artificiale inserita in sostituzione del cristallino è pieghevole e non richiede un aumento dell’incisione iniziale.
In seguito all’intervento l’occhio deve rimanere bendato per circa 24 ore ed è consigliato evitare sforzi fisici nei giorni successivi.

 

QUALI LENTI VENGONO IMPIANTATE IN SOSTITUZIONE DEL CRISTALLINO

Quali lenti vengono impiantate in sostituzione del cristallino?
Per l’intervento di chirurgia della cataratta possono essere impiegate diverse lenti:

  • IOL Monofocale: lenti  intraoculari con le quali si corregge il difetto di vista da lontano. Sono a carico per il 100% al Sistema Sanitario Nazionale
  • IOL Multifocale: lenti intraoculari con le quali si corregge la vista da lontano e da vicino. Si tratta delle lenti più avanzate in assoluto che permettono di ottenere il recupero della vista sia da lontano che da vicino. L’intervento di chirurgia della cataratta effettuato con queste lenti consente di recuperare la visione d’insieme compromessa dalla cataratta, ma anche di leggere e vedere bene da vicino. L’intervento è eseguito in regime di solvenza.
  • IOL Torica: lenti intraoculari che consentono di correggere l’astigmatismo superiore alle due diottrie. Dopo l’intervento l’occhiale è necessario solo per la lettura da vicino. L’intervento è eseguito in regime di solvenza.

Patologie che possono essere trattate con questa tecnica