Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Esami e visite

Gliomi

I gliomi sono tumori primitivi che si formano in specifiche cellule del sistema nervoso, chiamate cellule della glia, che costituiscono una sorta di impalcatura di sostegno per i neuroni. Questi tipi di tumore sono abbastanza diffusi e comprendendo il 40% dei tumori del Sistema Nervoso Centrale (SNC).

A seconda della cellula da cui originano i gliomi possono essere divisi in astrocitomi, oligodendrogliomi, ependimomi; talvolta invece possono presentare una popolazione mista (oligoastrocitomi).

 

Sono state proposte negli anni diverse classificazioni, in particolare in funzione dell’aggressività nel tumore. In modo estremamente sintetico i gliomi possono essere divisi in 4 gradi:

  • grado I: astrocitoma pilocitico, più frequente in età giovanile anche a livello del cervelletto
  • grado II: astrocitoma diffuso, oligodendroglioma, oligoastrocitoma, ependimoma
  • grado III: astrocitoma anaplastico, oligodendroglioma o oligoastrocitoma anaplastico
  • grado IV: glioblastoma multiforme, gliosarcoma.

Negli ultimi anni, si è però reso evidente che tale classificazione non è sufficiente a guidare la scelta delle cure o a prevedere la prognosi del paziente. Sono diventati quindi indispensabili studi molecolari e genetici

Cause

Le cause di questi tipi di tumore non sono ancora certe; non ci sono ad oggi indicazioni preventive utili ad evitare la formazione dei gliomi. In alcune malattie genetiche, come la neurofibromatosi e la sclerosi tuberosa, l’incidenza di gliomi è più alta che nel resto della popolazione.

Sintomi

I sintomi che possono sorgere sono comuni ad altre patologie affini al SNC:

  • mal di testa, persistente e presente soprattutto al mattini e di notte
  • nausea e vomito
  • crisi epilettiche
  • problemi legati alla vista e all'udito
  • vertigini e disturbo della deambulazione
  • problemi di movimento e sensibilità.

In caso si manifestassero alcuni di questi sintomi è opportuno recarsi dal medico.

Diagnosi

Per la definizione della diagnosi si prevede l'esame neurologico attraverso il quale si valutano le funzioni cerebrali del paziente (vista, linguaggio, equilibrio). Successivamente, se il medico sospetta la presenza di un tumore cerebrale, si effettua la TAC o la RM.

Trattamento

Accertata la diagnosi di glioma possono essere suggeriti i seguenti metodi di cura:

  • intervento chirurgico di craniotomia che consente l’asportazione totale o parziale della massa tumorale e la corretta diagnosi mediante esame istologico del tessuto asportato.
  • intervento chirurgico di biopsia stereotassica, indicato quando non è possibile procedere alla rimozione del tumore a causa della posizione profonda o vicina a strutture vitali, che permette la diagnosi corretta in previsione delle cure successive.
  • radioterapia e chemioterapia, secondo protocolli differenti in funzione della diagnosi precisa e del grado di malignità.
  • radiochirurgia stereotassica con Gamma knife, riservata ad alcuni pazienti con tumori piccoli e localizzati profondamente nel cervello.

Le possibilità di guarigione possono variare in base all'età, allo stato di salute generale del paziente  e in base alle dimensioni e al grado di malignità del glioma.

 

Cure che possono essere applicate a questa patologia