Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Esami e visite

Tremori

I tremori sono movimenti oscillatori involontari che colpiscono generalmente mani e braccia, ma che possono coinvolgere qualsiasi parte del corpo come testa o corde vocali. Sono più frequenti nelle persone anziane, ma è possibile che ne siano affetti anche i più giovani (soprattutto a causa di fattori di rischio come stress, fatica, rabbia, paura).


I tremori hanno un’evoluzione lenta e progressiva, che dura fino a svariati anni. In alcuni casi, soprattutto nelle fasi iniziali, questa patologia viene confusa con il Morbo di Parkinson, ma a differenza di quest’ultima si manifesta con il mantenimento di determinate posture o durante l’esecuzione dei movimenti e non a riposo.


Pur non essendo una malattia che mette in pericolo la vita, i tremori possono condizionare notevolmente l’esistenza di chi ne è affetto: rendono difficile l’esecuzione di movimenti banali ma importanti, come l’utilizzo delle posate o la guida. 


Tra i diversi tipi di tremore, il tremore essenziale è il più comune: colpisce circa 1 persona su 20 sopra i 40 anni e 1 su 5 sopra i 65. Può manifestarsi in due forme:

  • Tremore cinetico. Si verifica durante l’esecuzione di un movimento volontario.
  • Tremore posturale. Si verifica durante il mantenimento di una posizione contro la forza di gravità (quando ad esempio si allunga o distende un braccio).

Solitamente i pazienti affetti da tremore essenziale vengono colpiti da entrambe queste forme.

Cause

I tremori sono il risultato di una scorretta comunicazione tra alcune aree del cervello come tronco cerebrale, talamo e cervelletto. L’eziologia è tutt’ora sconosciuta, ma è stato dimostrato che molto spesso si tratta di un disturbo genetico. Anche le persone senza familiarità per la patologia possono però esserne colpite.

Trattamento

Come per altri disordini del movimento esiste una terapia farmacologica, ma poco efficace. In casi selezionati il neurochirurgo può decidere di eseguire la stimolazione cerebrale profonda (DBS): viene inserito nel cervello del paziente un elettrodo collegato ad un elettrostimolatore posto sul torace o sull’addome, che invia impulsi elettrici in grado di attenuare i tremori.

Cure che possono essere applicate a questa patologia