Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Esami e visite

Tumore del fegato

Il carcinoma epatocellulare è il tumore primitivo del fegato più frequente.
Origina a partire dagli epatociti principalmente a causa di un'epatopatia cronica o per una cirrosi.

Cause

Le cause principali della presenza di un carcinoma epatocellulare sono l'epatite B o C e la cirrosi, molto più rara è l’insorgenza su fegato sano.
Per questo motivo è consigliabile, a chi soffre di queste patologie, effettuare dei controlli periodici attraverso esami del sangue per prevenire l'eventuale sviluppo della neoplasia.

Sintomi

I primi stadi del carcinoma epatocellulare sono per lo più asintomatici.
Generalmente i pazienti che presentano questa malattia mostrano i segni tipici di una cirrosi avanzata:

  • sanguinamento da varici
  • ittero
  • aumento di volume delle emorroidi
  • inappetenza
  • aumento del volume dell'addome
  • dolore localizzato nella parte alta dello stomaco che si irradia fino alla scapola.

Diagnosi

La diagnosi precoce è molto importante perchè, quando il carcinoma epatocellulare è ad uno stadio iniziale, è più facilmente curabile.
In primo luogo, è necessario effettuare degli esami del sangue specifici.
Ad essi si associano sempre un'ecografia o una Tomografia Computerizzata o una risonanza magnetica.
In alcuni casi è richiesta anche una biopsia.

Trattamento

La terapia per la cura di un carcinoma epatocellualre varia a seconda dello sviluppo del tumore e della presenza di un'epatopatia cronica come cirrosi e epatite.
Nel caso in cui il fegato presenti ancora le sue funzionalità, è possibile procedere chirurgicamente attraverso una resezione della parte presentante il carcinoma.
In caso in cui, invece, la normale attività epatica sia compromessa dalla presenza di cirrosi, si ricorre a strategie terapeutiche non chirurgiche, che attualmente sono molteplici (radiofrequenza, micro-onde, radioterapia, radioterapia endovascolare….) e da valutare caso per caso.
In alcuni pazienti si ricorre al trapianto del fegato.
 

Cure che possono essere applicate a questa patologia