Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Esami e visite

Tumori clivali

I tumori clivali sono situati nel clivus, cioè una zona del basicranio circondata da strutture neurovascolari del tronco encefalico. Questi tumori colpiscono più frequentemente il sesso maschile rispetto a quello femminile.

Cause

I tumori clivali possono essere benigni o maligni e vengono distinti in base alla causa che determina la loro formazione in:

  • Cordomi: generati dalla notocorda embrionale (struttura embrionale che permette la crescita delle ossa craniche e della colonna vertebrale). Questo tipo di tumore clivali si forma quando alcune cellule supplementari della notocorda rimangono rinchiuse nelle ossa in via di sviluppo. I cordomi sono tumori rari e a bassa malignità, ma localmente aggressivi, che si sviluppano lentamente invadendo le zone adiacenti. Raramente e in fase tardiva possono dare metastasi a distanza.
  • Condrosarcomi: generati dalla cartilagine, anche se non è ancora del tutto chiara la loro origine. La loro crescita è molto lenta, in casi rari sono aggressivi e maligni. Questo tipo di tumore è più raro dei cordomi.

Diagnosi

Per la definizione della diagnosi il medico può richiedere un esame neurologico con quale si valuta la funzionalità dei nervi cranici, frequentemente coinvolti nelle lesioni clivali (di solito n. oculomotore e n. abducente). Successivamente si effettuano la RM e la TC (tomografia computerizzata) per caratterizzare meglio la lesione e valutare il coinvolgimento osseo (aspetto solitamente litico con frequenti calcificazioni). Inoltre è possibile effettuare la biopsia trans-naso-sfenoidale di un campione di tessuto per la diagnosi definitiva.

Trattamento

Accertata la diagnosi di questa patologia possono essere suggeriti i seguenti metodi di cura:

  • Intervento chirurgico: rimane difficile la rimozione totale, per la sede e per il frequente coinvolgimento dei nervi cranici. Elevato è il tasso di recidiva locale anche in caso di piccoli residui.
  • Radioterapia, grazie alla Gamma Knife, nel momento in cui si è svolta una precedente asportazione parziale della massa tumorale.

Cure che possono essere applicate a questa patologia