Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Esami e visite

Sindrome del giunto pielo-ureterale

La sindrome del giunto pielo-ureterale è un insieme di condizioni, sia congenite sia acquisite, che determinano un restringimento del punto di passaggio tra la pelvi renale e l’uretere ostacolando il normale flusso dell’urina. Tale restringimento provoca la dilatazione della pelvi e la stasi di urina nella pelvi stessa favorendo l’insorgenza di varie complicanze, dalle infezioni delle vie urinarie alla formazione di calcoli.

In molti pazienti un adenoma surrenalico può non provocare alcun sintomo, se non produce un eccesso di ormoni e non è di grosse dimensioni. In caso di tumori di grosse dimensioni vi potranno invece essere sintomi legati all'ingombro o alla compressione di altri organi, per esempio senso di ripienezza addominale o dolore addominale localizzato. I tumori surrenalici secernenti possono provocare una serie di sintomi diversi a seconda del tipo di ormoni da loro prodotti in eccesso (aldosterone , catecolamine , cortisolo)

La sindrome del giunto pielo-ureterale risulta nella maggior parte dei pazienti asintomatica e la diagnosi avviene in maniera accidentale. Tra i più frequenti riscontriamo le infezioni delle vie urinarie, dolori addominali di solito esacerbati da un aumentato apporto di liquidi.

L’ecografia addominale solitamente risulta essere l’esame più importante nella diagnosi di tale patologia ; può essere integrato da altri accertamenti più specifici quali : l’urografia endovenosa: tipicamente il rene coinvolto mostra un marcato ritardo della fase escretoria; la scintigrafia renale: consente di studiare la funzionalità renale e di valutare la presenza di un’ostruzione al deflusso dell’urina;  la cistografia minzionale o la cistoscintigrafia diretta: consentono di valutare la presenza di un reflusso vescico-ureterale associato.

La terapia è tipicamente chirurgica. Le possibilità terapeutiche sono varie, sia endoscopiche che a cielo aperto, ma la più utilizzata è la plastica del giunto pielo-ureterale, un intervento chirurgico eseguibile sia a cielo aperto che in laparoscopia che consiste nella rimozione del tratto di uretere stenotico ed eventuale riposizionamento dello stesso in caso di incrocio con i vasi renali.

Presso la nostra U.O. eseguiamo per tale patologia interventi quali:

  • Pieloureteroplastica sec. Anderson –Hynes (con accesso videolaparoscopico o laparotomico retroperitoneale in casi selezionati con concomitante calcolosi renale)