Patologie

Dieta Low-FODMAP

La dieta Low-FODMAP è un regime alimentare spesso consigliato alle persone che soffrono della sindrome dell’intestino irritabile, una condizione cronica caratterizzata da dolore addominale, meteorismo, gonfiore e irregolarità intestinale.

Cosa sono i FODMAP?

I FODMAP (acronimo per: oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi fermentabili e polioli), sono carboidrati a catena corta che vengono scarsamente assorbiti nel tratto gastro-intestinale. Questi zuccheri, rimanendo nel colon, inducono fermentazione da parte dei batteri, richiamano acqua e possono scatenare o peggiorare sintomi quali: 

  • Gonfiore addominale
  • Meteorismo
  • Flatulenza
  • Diarrea 
  • Dolore addominale

Per chi è indicata la dieta Low-FODMAP?

La dieta Low-FODMAP è indicata per chi soffre di sindrome dell’intestino irritabile.
È importante sottolineare che i cibi FODMAP non sono la causa scatenante della malattia (ne accentuano solo i sintomi) e che quindi il mantenimento di questo regime alimentare non rappresenta una cura vera e propria. Tuttavia, eliminare o ridurre il consumo dei FODMAP può contribuire a migliorare la qualità della vita dei pazienti grazie alla riduzione dei principali e più fastidiosi sintomi: meteorismo, gonfiore e dolore addominale. 

Qual è il protocollo della dieta Low FODMAP?

Nella maggior parte dei casi la dieta Low FODMAP prevede tre fasi:

  • Prima fase: dura 3/6 settimane e prevede una drastica riduzione dei cibi FODMAP. In questa fase, maggiore è l’aderenza alla dieta, maggiore sarà il beneficio sui sintomi. 
  • Seconda fase: durata variabile e prevede la progressiva reintroduzione degli alimenti FODMAP. In genere questi alimenti vengono introdotti gradualmente una o poche più volte a settimana, verificando l’eventuale ricomparsa sei sintomi.
  • Terza fase: in base a quanto evidenziato nella seconda fase, viene elaborato un regime alimentare che il paziente può gestire in modo autonomo.

Dieta Low FODMAP: alimenti da limitare e alimenti consentiti

Gruppo alimentare Alimenti da limitare Alimenti consentiti
Proteine animali (esclusi i latticini) Alimenti conditi con salse di frutta ad alto contenuto FODMAP Tutti i tipi di carne, salumi compresi, uova, tutti i tipi di pesce, crostacei compresi.
Latticini Gelato con latte, cioccolato al latte, besciamella e salse al formaggio, latte vaccino, di pecora, bufala e capra, formaggi molli, panna (acida e montata), yogurt, mozzarella con lattosio, fiocchi di latte. Burro, formaggi stagionati (es. grana e parmigiano), latticini senza lattosio, formaggi senza lattosio (es. provolone dolce, fontina, taleggio, pecorino, gorgonzola).
Alternative ai latticini Latte e crema di cocco Latte di soia, mandorla, gelato senza latte vaccino, kefir
Cereali Pane, pasta, grissini, prodotti di pasticceria, …  se prodotti con grano (frumento), farine varie (farina di ceci, farina di lenticchie, farina di piselli, farina di soia), farro, segale orzo, kamut, cous-cous, semolino. Grissini, pasta e prodotti di pasticceria (prodotti con cereali e farine privi di frumento: quinoa, riso, avena, grano saraceno, amaranto, miglio, sorgo, tapioca, farro, polenta, cibi senza glutine).
Frutta  Avocado papaia, ciliegie, anguria, mango, mele, albicocche, datteri, nespole frutta sciroppata, pere, frutta secca, fichi, litchi, pesche noci, pesche, susine, prugne, cachi, more. Banane, melone, pompelmo, uva, kiwi, frutti di bosco (more concesse), limone, lime, arancia, mandarino, frutto della passione, ananas, rabarbaro.
Verdure Asparagi, cipolla, crauti, aglio, carciofi, asparagi, barbabietole, porri, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolo, cavolfiore, finocchi, fagiolini, funghi, gombo, piselli rampicanti, zucche, porri, radicchio, scalogno, topinambur, verza, taccole. Barbabietola, broccoli, carota, cetriolini sott’aceto, cetriolo, cipollotto, costa, crescione, erba cipollina, indivia, lattuga, mais dolce, melanzane, olive, pastinaca, patata, peperoncino rosso, peperone rosso/verde, piselli verdi, pomodori, rapa, rapanelli, salsa di pomodoro (3 cucchiai da tavola), sedano, spinaci cotti, zenzero, zucchina gialla, zucchine verdi.
Legumi e frutta secca a guscio  Tutti (ceci, fagioli, lenticchie, …), pistacchi, anacardi, soia. Tofu.
Dolci Qualunque preparato con alimenti da limitare. Qualunque preparato con alimenti consentiti.
Bevande Qualunque contenente HFSC, succhi di frutta/verdura ad alto contenuto di FODMAP, birra, caffè d’orzo, superalcolici, vini dolci. Succhi di frutta/verdura a basso contenuto di FODMAP (limitare a 1/2 tazza alla volta), caffè (in quantità limitata), tè, vino rosso e bianco (in quantità limitata).
Dolcificanti Dolcificanti    Sorbitolo, Mannitolo, Isomalto, Maltitolo, Xilitolo Zucchero in piccole quantità, glucosio, dolcificanti artificiali che non terminano in “-olo”
Altro Agave, chutney, noce di cocco, aglio, miele, confetture, gelatine, melassa, cipolle, sottaceti, spezie, salse di frutta/verdura ad alto contenuto di FODMAP, condimenti per insalata ad alto contenuto di FODMAP, dolcificanti artificiali: sorbitolo, mannitolo, isomalto, xilitolo (pasticche per la tosse, gomme, caramelle) La maggior parte delle spezie ed erbe aromatiche, brodo fatto in casa, burro, erba cipollina, semi di lino, olio aromatizzato all’aglio, aglio in polvere, olive, margarina, maionese, olio d’oliva, pepe, sale, zucchero, sciroppo d’acero, senape, condimenti per insalata a basso contenuto di FODMAP, salsa di soia, salsa marinara (piccole quantità), aceto, aceto balsamico

 

Fondazione Poliambulanza Regione Lombardia Ministero della salute

Dieta Low-FODMAP


Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero | Brescia, via Bissolati, 57- Tel. +39 030-35151 P.iva 02663120984, N.REA BS468431

Tutte le informazioni contenute nel sito sono da ritenersi esclusivamente informative.

La Fondazione Poliambulanza - Istituto Ospedaliero non si assume la responsabilità per danni a terzi derivanti dall'uso improprio o illegale delle informazioni riportate o da errori relativi al loro contenuto.


Privacy | Cookie policy | Credits