CORONAVIRUS: ULTIMI AGGIORNAMENTI

CORONAVIRUS: ULTIMI AGGIORNAMENTI

martedì 24 marzo 2020

 

24/03/2020

PSICOLOGI CIDAF PER L’EMERGENZA COVID 19

il consultorio CIDAF ha attivato il servizio psicologico di pronto intervento rivolto ai sanitari di Fondazione Poliambulanza che operano in prima linea per la gestione dell’emergenza COVID1 9 e che al termine dei turni lavorativi sentono il bisogno di un sostegno.

Tutti gli operatori possono chiamare i numeri 030-3518731 e  030-3518355, specificando la loro necessità di ottenere un colloquio per l’emergenza coronavirus.

Il consulente reperibile, nel più breve tempo possibile, fornirà telefonicamente all'operatore il “primo sostegno psicologico” e, dopo un breve triage, se necessario/richiesto, accoglierà l’operatore stesso in consultorio per una presa in carico.

Il servizio è attivo da dalle ore 6.00 alle ore 23 dal lunedì alla domenica.”

 

 

15/03/2020

CORONAVIRUS: UN SERVIZIO PER METTERE IN CONTATTO I DEGENTI CON I PROPRI CARI

Per consentire ai degenti affetti da Coronavirus di comunicare con la propria famiglia, Fondazione Poliambulanza ha attrezzato il reparto infettivi con un computer che, attraverso un collegamento Skype, permette di mettere in contatto audio-video il paziente con i suoi cari, riducendo le distanze.

 

 

11/03/2020

CORONAVIRUS: POLIAMBULANZA E UNIVERSITÀ CATTOLICA ANTICIPANO LA LAUREA PER GLI INFERMIERI
Università Cattolica, in collaborazione con Fondazione Poliambulanza, ha anticipato la seduta di laurea in Infermieristica per garantire l’inserimento di nuove risorse sul fronte emergenziale; questa mattina, presso la sala Convegni di Poliambulanza, si è tenuta la discussione delle tesi organizzata in video-conferenza con la Commissione e ognuno dei candidati. A presiedere la Commissione il Prof. Mario Taccolini, Presidente di Fondazione Poliambulanza e Prorettore dell’Università Cattolica.
Poliambulanza rimane così in prima linea a combattere Covid-19, ottemperando al Decreto del Governo del 7 marzo u.s., che prevede l’assunzione immediata di 20mila figure professionali tra medici, infermieri e operatori sanitari. 

 

 

10/03/2020

CORONAVIRUS: PSICOLOGI PER L’EMERGENZA

È un momento difficile per tutti, soprattutto per i nostri operatori sanitari che sono in prima linea. Per questo abbiamo messo a disposizione da oggi per loro un servizio di psicologia clinica. Perché Fondazione Poliambulanza si prende cura anche dei suoi dipendenti.

 

 

10/03/2020

SOSPENSIONE PRENOTING POLIAMBULANZA

Si segnala che il servizio di prenotazione online Prenoting Poliambulanza è momentaneamente sospeso, perchè gran parte delle attività ambulatoriali non urgenti e differibili sono sospese e rimandate a data da destinarsi.
I pazienti coinvolti nella sospensione dell'appuntamento verranno contattati telefonicamente dagli operatori del CUP. Anche il servizio di pro-memoria Prenoting è interrotto, valgono le comunicazioni telefoniche del CUP.
Gli utenti potranno contattare il CUP  al n. 030-351.4040 (SSN) e 030-351.8700  (Privati) per ulteriori chiarimenti.

 

 

9/03/2020

CORONAVIRUS: GRAZIE VESCOVO DA PARTE DI TUTTA LA POLIAMBULANZA
Grazie alla disponibilità concessa dal Vescovo Pierantonio Tremolada, il Centro Pastorale Paolo VI ha messo a disposizione 44 stanze per agevolare le dimissioni dagli ospedali di quei cittadini clinicamente guariti da Coronavirus che, per fattori extra-clinici, non possono tornare al loro domicilio.
È previsto infatti che i pazienti clinicamente guariti, cioè senza più sintomi, vengano dimessi in isolamento domiciliare per 14 giorni con assistenza fornita dal medico curante e in collaborazione con ATS e ADI (Assistenza Domiciliare Integrata); per essere certificati guariti devono essere sottoposti ad una valutazione clinica ed al tampone naso-faringeo a 14 giorni dalla dimissione. Non sempre però tutti i pazienti possono rientrare alla propria casa. Di qui l'importanza del servizio offerto dalla Diocesi di Brescia che consentirà a breve di liberare letti preziosi per accogliere il crescente flusso di persone da ricoverare con sintomi COVID-19.
La soluzione offerta dalla struttura alberghiera Paolo VI, proposta alle strutture cittadine di Poliambulanza e degli Spedali Civili, rappresenta un supporto importante al sistema ospedaliero.

 

 

8/03/2020

CORONAVIRUS: GRAZIE A CROCE BIANCA UN TENDONE IN POLIAMBULANZA PER AUMENTARE L’ACCOGLIENZA DEL PRONTO SOCCORSO
Per una maggiore tutela degli operatori sanitari e dei pazienti che accedono al Pronto Soccorso, è stato allestito in meno di 5 ore, grazie alla Croce Bianca e al prezioso contributo del nostro personale tecnico, un tendone di 50 mq nell’area esterna antistante il Pronto Soccorso. L’obiettivo è accogliere il numero crescente di persone che vi accedono con sintomi riconducibili al Coronavirus, evitando di sovraffollare le altre aree dedicate. L’intera struttura è in prima linea e sta riorganizzando quotidianamente le attività e gli spazi per rendere più sicuri i percorsi di diagnosi e cura.
Si raccomanda ai cittadini che avessero una sintomatologia respiratoria non grave di non recarsi in Pronto Soccorso ma di chiamare il numero verde 800 894545 o consultare la guardia medica o il proprio medico curante.

 

 

8/03/2020

CORONAVIRUS, POLIAMBULANZA CONTINUA LA GESTIONE DELL’EMERGENZA
Poliambulanza continua l’opera di riorganizzazione per fronteggiare l’emergenza e per accogliere anche i pazienti che arrivano da fuori città, colpiti da COVID 19. L’ospedale aumenta il numero dei posti letto dedicati alla Terapia Intensiva che ad oggi ammontano a 23, qualificandosi così tra le strutture che dall’inizio dell’emergenza ne ha messi a disposizione in maggior numero. Prosegue anche l’importante azione di riconversione dei reparti, per ospitare i positivi al coronavirus, che non versano in condizioni di gravità, ma che comunque richiedono un’importante sorveglianza e presa in cura e che ad oggi, in Poliambulanza, sono 90. Inoltre in Pronto Soccorso 15 sono i posti dedicati all’osservazione breve intensiva. 
 

 

6/03/2020

DAL 9/03 SOSPESE GRAN PARTE DELLE ATTIVITÀ AMBULATORIALI NON URGENTI
A seguito di nuove indicazioni ricevute dalla Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia, per fronteggiare l’emergenza coronavirus e destinare il personale medico ed infermieristico ai reparti di degenza, da lunedì 9 marzo gran parte delle attività ambulatoriali non urgenti e differibili saranno sospese e rimandate a data da destinarsi.
Rimane garantita l'attività di Urgenza e Emergenza non rimandabile, i bollini verdi e le priorità a 10 giorni, gli interventi oncologici, l’ambulatorio ostetrico della gravidanza incluso il pre-ricovero delle donne in gravidanza. Il punto prelievi è attivo e aperto solo per TAO (terapia anticoagulante orale), pazienti oncologici e gravide.
I pazienti coinvolti verranno contattati telefonicamente dagli operatori del CUP. 

 

 

5/03/2020 
SOSPENSIONE DI ALCUNE ATTIVITÀ AMBULATORIALI 

A fronte dell'emergenza coronavirus, alcune prenotazioni ambulatoriali previste nei prossimi giorni potrebbero essere sospese e rimandate a data da definirsi. 
I pazienti coinvolti saranno contattati telefonicamente dagli operatori del CUP.

 

 

2/03/2020
CORONAVIRUS: POLIAMBULANZA GIÀ IN PRIMA LINEA
Ieri si è tenuto un incontro in Regione Lombardia con il Presidente A. Fontana, l’Assessore al Welfare G. Gallera e le Direzioni degli Ospedali Privati Accreditati, a cui è stata chiesta e ottenuta la disponibilità a collaborare. Come dichiarato dall’Assessore Gallera durante la conferenza stampa di ieri pomeriggio, Poliambulanza è stata da subito parte attiva nel piano di intervento regionale, avendo già reso disponibile un'unità di 6 posti letto di Terapia Intensiva e riconvertiti 4 reparti destinati ai pazienti con sintomatologia sospetta. Oltre alla Terapia Intensiva, sono stati attrezzati un totale di 46 letti per fronteggiare l’emergenza.


 

28/02/2020
MEDICO POSITIVO AL CORONAVIRUS IN POLIAMBULANZA
Primo caso di coronavirus in Poliambulanza. Si tratta di uno specializzando in ortopedia domiciliato in città che è stato contagiato al di fuori dell’Ospedale. 
“Lo specializzando pur con sintomatologia respiratoria lieve, ma in quanto operatore sanitario, è stato inviato presso il Pronto Soccorso di Poliambulanza dove sono state messe in atto tutte le procedure predisposte, effettuazione del tampone ed isolamento, al fine di individuare la presenza di infezione da COVID-19.” dichiara Alessandro Triboldi, Direttore Generale di Poliambulanza. 
Attualmente non c’è nessun rischio per i pazienti, tutti in reparto lavorano con le apposite mascherine e i presidi necessari. Chi ha la febbre è stato invitato a stare al proprio domicilio. Inoltre, all’ingresso dell’Ospedale, a partire dalla giornata di ieri, è presente un’equipe per misurare la temperatura con un termoscanner per intercettare chi presenta alterazioni e bloccare eventuale rischio di contagio.
Le persone eventualmente venute a contatto nei giorni scorsi con il medico contagiato saranno contattate dall’ATS per iniziare un percorso di quarantena nelle loro case. 
 

 

25/02/2020

AGGIORNAMENTO – DA DOMANI RIPRENDE L’ATTIVITÀ AMBULATORIALE IN POLIAMBULANZA

A seguito di nuove indicazioni di Regione Lombardia, da mercoledì 26 febbraio riprenderà l’attività di esami e visite ambulatoriali.
Rimane invece confermata la sospensione dell'attività chirurgica programmata e dei pre-ricoveri rimandati a data da destinarsi.
Ricordiamo che è garantita l'attività di Urgenza e Emergenza non rimandabile, i bollini verdi e le priorità a 10 giorni, gli interventi oncologici, i pre-ricoveri delle donne in gravidanza.

 

 

24/02/2020

ATTIVITÀ RIDOTTA IN POLIAMBULANZA

Si comunica che, a seguito dell’indicazione ricevuta dalla Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia, dal 25/2 al 29/2 inclusi, in attesa di ulteriori indicazione da parte della Regione, l’attività ambulatoriale programmata, l'attività chirurgica programmata e i pre-ricoveri sono sospesi e rimandati a data da destinarsi.
È garantita l'attività di Urgenza e Emergenza non rimandabile, i bollini verdi e le priorità a 10 giorni, gli interventi oncologici, i pre-ricoveri delle donne in gravidanza. 
Il punto prelievi è attivo e aperto solo per TAO (terapia anticoagulante orale), pazienti oncologici e gravide.
I pazienti coinvolti verranno contattati telefonicamente dagli operatori del CUP.