Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Patologie

Foro maculare

Il Foro Maculare è una malattia della retina che, come suggerisce il nome stesso, causa un foro nella macula e nella fovea compromettendo le capacità visive della persona: il foro maculare, infatti, fa si che la visione centrale appaia spezzata, ondulata o del tutto oscurata.

foro maculare Poliambulanza

Il foro maculare può avere conseguenze più o meno gravi a seconda della dimensione dell’apertura della macula e del grado di interessamento del tessuto retinico.

Nella maggior parte dei casi, il foro maculare insorge in maniera idiopatica – e quindi senza nessuna causa apparente e identificabile. Tuttavia, esistono delle condizioni che favoriscono la comparsa della malattia:

  • La trazione vitreomaculare (vale a dire la separazione del corpo vitreo dalla retina)
  • Il sesso femminile
  • L’età
  • Traumi all’occhio
  • Miopia elevata
  • Fattori vascolari e occlusioni venose

 Generalmente, il foro maculare è monolaterale, ma esistono dei casi in cui la malattia colpisce entrambi gli occhi.

Sintomi

Nelle fasi di esordio della malattia, la sintomatologia collegata al foro maculare è relativamente lieve e tende a peggiorare man mano che l’apertura sulla macula diventa più grande. I sintomi iniziali della malattia sono:

  • Visione centrale offuscata e distorta
  • Deformazione delle immagini (metamorfopsie)
  • Difficoltà nella visione da vicino

 In fase avanzata, i sintomi diventano sempre più gravi e fastidiosi, impedendo al soggetto di riconoscere i dettagli di ciò che sta osservando, sia da lontano che da vicino, e determinando un notevole peggioramento della vista che appare sempre più distorta e ostacolata da uno scotoma centrale (macchia scura). Sia in fase iniziale che in fase avanzata, il foro centrale è sempre indolore.

Diagnosi

Per la diagnosi del foro maculare, il medico oculista ricorre generalmente a tre tipi di esami:

  • Esame del fondo oculare
  • Esame OCT (Tomografia ottica computerizzata)
  • Fluorangiografia retinica

L'esame del fondo oculare consente di visualizzare in maniera approfondita le strutture interne dell’occhio; la tomografia ottica computerizzata (OCT) permette di ottenere delle scansioni accurate della retina, della macula, della cornea e del nervo ottico; la fluorangiografia retinica, infine, individua le patologie vascolari dell’occhio. Tramite questi tre esami, il medico oculista è in grado di stabilire l’entità della malattia e le modalità di intervento su quest’ultima. 

Trattamento

Il trattamento del foro maculare può essere svolto solo ed esclusivamente per via chirurgica, attraverso una vitrectomia. La vitrectomia consiste nell’asportazione del corpo vitreo e nella rimozione delle membrane epiretiniche, che consentono al foro maculare di riappianarsi sollevando i suoi margini. La percentuale di successo dell’intervento è inversamente proporzionale alle dimensioni del foro maculare: più il foro è piccolo, maggiori sono le probabilità che l’intervento restituisca dei risultati pienamente soddisfacenti.

Medico responsabile U.O.

Miglio Vincenzo

Dr. Miglio Vincenzo

Dipartimento Testa Collo

Direttore U.O./Servizio:
U.O. Oculistica

Dettaglio Unità Operativa

Ubicazione: Area A Piano 3

Telefono: 030/3518741

E-mail: ocu.segreteria@poliambulanza.it

Coordinatore: Simonetta Predolini

Ambulatori:

Ambulatorio Oculistica, Ortottica, Oftalmologia pediatrica, Strabismo, Mobilità Oculare, Ambulatorio Glaucoma, Ambulatorio Vizi Refrazione, Ambulatorio Patologie Retiniche, Servizio Perimetria, Servizio di Analisi Corneal (topografia, pachimetria, studio dell’endotelio corneale), Ambulatorio malattie della cornea e Chirurgia Refrattiva.