Cure Mediche

Ablazione cardiaca

L'ablazione cardiaca, o ablazione transcatetere, è un trattamento terapeutico destinato a persone che soffrono di aritmie cardiache. L'obiettivo dell'ablazione cardiaca è quello di eliminare la causa dell'aritmia; non a caso, ablazione deriva da un verbo latino (auferre), che significa "portare via".

L’ablazione è un intervento attraverso il quale vengono eliminate, “bruciate”, piccole porzioni di cuore, responsabili delle aritmie cardiache che si ripetono continuamente nel corso del tempo. 
Gran parte delle aritmie, sia atriali che ventricolari, in forma parossistica o persistente, possono essere sottoposte ad ablazione cardiaca. La complessità dell’intervento e la sua possibile riuscita naturalmente dipendono dal tipo di aritmia e dal singolo caso clinico.

L'ablazione cardiaca è tra i trattamenti per la cura delle aritmie; di solito non è mai la prima opzione terapeutica, ma lo può diventare se:

  • I trattamenti farmacologici (gli antiaritmici) non hanno avuto successo
  • I farmaci antiaritmici hanno provocato degli effetti collaterali, peggiorando la situazione
  • Il paziente non ha ancora presentato un’aritmia clinica ma ne è a rischio. Un esempio sono le anomalie del ritmo cardiaco causate dalla sindrome di Wolff-Parkinson-White
  • Il paziente è a rischio di complicazioni, come l'arresto cardiaco

Prima del trattamento non è richiesta una preparazione particolare, salvo qualche accertamento clinico e qualche raccomandazione, come per esempio presentarsi a completo digiuno da almeno 6-8 ore.

 

L’intervento
Il cardiologo introduce uno o più elettrocateteri attraverso il sistema venoso, solitamente dalla vena femorale, o nel sistema arterioso, dalla arteria femorale o mediante la puntura transettale, e li indirizza fino al cuore, servendosi dei raggi X o più recentemente con sistemi di navigazione elettromagnetici, che evitano l’esposizione radiologica.

Raggiunto il cuore, mette in funzione gli elettrodi e comincia a sondare tutto il tessuto cardiaco. La registrazione dell'attività elettrica permette di individuare qual è la zona che provoca l'aritmia. Rintracciata l'area responsabile, aziona l'ablatore, il quale distrugge il tessuto patologico mediante il calore con l’energia da radiofrequenza o con il freddo mediante la crioablazione. Con l'eliminazione della piccola porzione di miocardio che dava origine all'aritmia, si regolarizza il ritmo cardiaco e si consente agli impulsi elettrici di tornare a viaggiare in modo normale.

Durante l'intera procedura, è possibile che vengano iniettati nel paziente dei farmaci anticoagulanti, per prevenire la formazione di trombi all'interno delle cavità del cuore.
 
Le ablazioni più semplici durano in genere 1-2 ore e sono ben tollerate, grazie all’ utilizzo di una lieve sedazione.
Ablazioni più complesse possono durare più a lungo ma, in genere, – proprio per la lunga durata – possono essere eseguite in anestesia generale, così che siano meno fastidiose per il paziente.

 

Il paziente può provare fastidio o dolore:

  • Quando vengono inseriti gli aghi-cannula o gli introduttori, per i sedativi e per gli elettrocateteri
  • Quando viene iniettato il liquido di contrasto
  • Quando viene messa in funzione la fonte energetica che distrugge il tessuto cardiaco aberrante

Si tratta comunque di sensazioni brevissime e, solitamente, di lieve entità.

Concluso l'intervento, il paziente viene trasferito nel reparto di ricovero, dove viene trattenuto almeno per la notte seguente alla procedura. In questo lasso di tempo, vengono monitorati il battito cardiaco e la pressione sanguigna allo scopo di intervenire tempestivamente qualora comparissero delle complicazioni post-operatorie.
In questa fase è probabile avere giramenti di testa e sentirsi confusi: queste sono normali sensazioni provocate dai farmaci sedativi e dagli anestetici.

 

Dopo l’intervento
Salvo complicazioni, il ritorno alle attività di tutti i giorni, come per esempio il lavoro, avviene nel giro di pochi giorni. Il consiglio, di solito, è quello di attendere la cessazione del senso di dolenza generale, che caratterizza la fase post-operatoria.

 

Rischi dell'operazione
L'ablazione cardiaca è considerata un intervento moderatamente invasivo. Come tale, essa può comportare dei rischi e delle complicazioni, talvolta anche molto gravi. Essi consistono in:

  • Perdita di sangue e infezioni nel punto d'inserimento del catetere
  • Danno ai vasi venosi, che vengono attraversati dal catetere
  • Danno alle valvole cardiache, provocato dal catetere
  • Ulteriore peggioramento dell'aritmia. In tal caso si può rendere necessario un impianto di pacemaker
  • Tromboembolismo, ovvero formazione di coaguli di sangue (trombi o emboli) in gambe o polmoni. Di solito, per prevenire queste complicazioni, durante l'ablazione cardiaca si iniettano nel paziente degli anticoagulanti
  • Ictus o attacco di cuore
  • Restringimento delle vene che conducono il sangue ai polmoni e al cuore (stenosi delle vene polmonari)
  • Danno renale, provocato dal liquido di contrasto. Si tratta di una circostanza molto rara
  • Morte. È una situazione rarissima, che tuttavia può verificarsi

La possibilità di incappare in una di queste complicazioni aumenta drasticamente se si soffre di diabete o di una qualche malattia renale. Questo è uno dei motivi per cui, prima di sottoporre un individuo ad ablazione cardiaca, lo specialista lo sottopone a tutti i controlli clinici del caso.

 

Risultati
Generalmente, l'ablazione cardiaca ha un discreto successo, tuttavia, in alcune circostanze, bisogna ripetere la procedura oppure adottare una terapia farmacologica di mantenimento che contribuisca a regolarizzare il ritmo cardiaco.

Se si adotta uno stile di vita più sano, riducendo per esempio le quantità di sale per condire i cibi oppure facendo più attività fisica, si migliora la salute del cuore e di conseguenza anche l'impatto che una terapia, come l'ablazione cardiaca, ha su di esso.

I consigli da seguire per migliorare lo stato di salute generale e del cuore.

  • Ridurre le quantità di caffeina assunta giornalmente
  • Mangiare cibi sani
  • Condire i cibi con meno sale, per mantenere a livelli normali la pressione sanguigna
  • Fare attività fisica
  • Mantenere il giusto peso corporeo
  • Non fumare
  • Evitare di bere alcolici
  • Controllare lo stress
Fondazione Poliambulanza Regione Lombardia Ministero della salute

Ablazione cardiaca


Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero | Brescia, via Bissolati, 57- Tel. +39 030-35151 P.iva 02663120984, N.REA BS468431

Tutte le informazioni contenute nel sito sono da ritenersi esclusivamente informative.

La Fondazione Poliambulanza - Istituto Ospedaliero non si assume la responsabilità per danni a terzi derivanti dall'uso improprio o illegale delle informazioni riportate o da errori relativi al loro contenuto.


Privacy | Cookie policy | Credits