Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Patologie

Vaginosi batterica

La vaginosi batterica è un’infezione che coinvolge l’apparato genitale femminile attraverso l’alterazione del pH e della normale flora vaginale. Rappresenta una delle infezioni intime più comuni tra le donne in età fertile e si caratterizza, nello specifico, da uno squilibrio a livello dei mi-crorganismi deputati alla difesa dell’ambiente vaginale. La diminuzione dei Lactobacilli permette l’ingresso e la proliferazione di batteri normalmente sconfitti dalle componenti acide del pH vaginale.

Cause

Le cause che favoriscono l’insorgenza della vaginosi batterica sono diverse e variano a seconda della condizione in cui si trova la paziente; solitamente questo tipo di infezione è direttamente collegata alla Gardnerella vaginalis, ovvero un batterio che, proliferando eccessivamente, va ad alterare la normale flora batterica dell’organo genitale femminile. 
I principali fattori di rischio legati a questa condizione sono: 

  • Scarsa igiene intima 
  • Utilizzo di detergenti troppo aggressivi  
  • Utilizzo di contraccettivi intrauterini come la spirale 
  • Predisposizione genetica 
  • Periodo post gravidanza 
  • Rapporti sessuali non protetti: lo sperma può alterare i normali livelli del pH vaginale

Sintomi

La vaginosi batterica si manifesta principalmente attraverso: 

  • Prurito vulvo-vaginale 
  • Secrezioni anomale 
  • Cattivo odore vaginale 
  • Lieve irritazione dell’organo genitale 
  • Vaginismo: la contrazione involontaria dei muscoli della vagina

Diagnosi

La diagnosi di questa infezione avviene mediante visita ginecologica: il medico effettuerà un controllo all’organo genitale della paziente e analizzerà un campione di fluido vaginale con lo scopo di individuare i batteri responsabili.

Trattamento

Il trattamento previsto per la cura della vaginosi batterica si basa sulla prescrizione di antibiotici come: 

  • Metronidazolo 
  • Tinidazolo 
  • Clindamicina  

Inoltre è consigliato adottare buone abitudini di norme igieniche, prediligere biancheria intima in cotone (preferibilmente bianca) e utilizzare metodi contraccettivi come il preservativo per evitare il contatto con possibili agenti infettivi.