Patologie

Neoplasia prostatica (Tumore della prostata)

La prostata è una ghiandola dell'apparato genitale maschile, posizionata nella pelvi, inferiormente alla vescica e davanti al retto, che circonda il tratto superiore dell'uretra prima del suo ingresso in vescica.

 

 

La sua funzione principale è di produrre ed emettere il secreto prostatico, uno dei costituenti dello sperma, che contiene gli elementi necessari a nutrire e veicolare gli spermatozoi.
A causa della sua posizione anatomica e delle funzioni in cui è coinvolta, la prostata influenza la minzione, l'erezione e l'eiaculazione. 

ll tumore alla prostata è statisticamente il tumore più frequente nell’uomo al di sopra dei 50 anni in Italia, con circa 36.000 nuove diagnosi / anno (dati AIRTUM 2020).
L’incidenza del cancro prostatico aumenta con l’età. Il picco di maggior incidenza è osservato nell’età compresa tra i 65 e i 74 anni; resta invece un tumore molto raro prima dei 45 anni.

Cause

Il fattore primario di rischio per lo sviluppo del tumore della prostata è l’età; inoltre vi sono altri fattori importanti come la familiarità - a cui destinare un percorso di prevenzione personalizzato. -, la dieta (sembrano essere fattori protettivi un elevato apporto di vitamina E, di licopene e di acidi grassi omega-3), la razza (quella afroamericana è a maggior rischio di tumore) e lo stile di vita.

Sintomi

Il tumore della prostata è una malattia asintomatica nella maggior parte dei casi e la sua diagnosi è più frequentemente incidentale. Per tale motivo ha assunto ormai una certa rilevanza lo screening per neoplasia prostatica basato sulla misurazione del PSA (l’Antigene Prostatico Specifico, misurato nel sangue) e sull’esplorazione rettale.

Diagnosi

Il tumore alla prostata è soggetto a screening secondario grazie al dosaggio del PSA (antigene prostatico specifico) ematico e valutazione specialistica. Il valore del PSA va quindi interpretato individualmente sulla base della storia clinica e familiare dell’individuo, non esistendo un reale valore di “normalità”. 
In caso di valori elevati di PSA, è giustificato porre il sospetto di neoplasia prostatica, tuttavia esistono diverse condizioni responsabili dell’aumento del PSA (infezioni, ipertrofia prostatica benigna etc.) per cui è sempre necessario riferirsi allo specialista per l’esame digitorettale ed eventuale approfondimento diagnostico.
Raramente l’esordio può essere sintomatico con un aumento della frequenza delle minzioni o un peggioramento del flusso urinario, sangue nelle urine, problemi di erezione, incontinenza urinaria ecc.  

A fronte di un fondato sospetto clinico  il percorso diagnostico può essere indirizzato verso un approfondimento radiologico con l’esecuzione di una risonanza dell’addome inferiore multiparametrica con mezzo di contrasto, sulla cui scorta è possibile nella nostra struttura eseguire biopsie mirate sulle lesioni target identificate all’imaging (tecnica fusion) oppure in base alla clinica è possibile ricorrere direttamente alla biopsia prostatica tradizionale (tecnica a sestanti). 

Terapie

La scelta dell’opzione terapeutica è personalizzata sulle caratteristiche del paziente e della malattia. 
Il miglior percorso terapeutico per il paziente è influenzato da:

  • caratteristiche del tumore
  • età biologica (non anagrafica)
  • le risorse della struttura (tecnologia avanzata in campo chirurgico e radioterapico, oncologia a indirizzo urogenitale, radiodiagnostica di ultima generazione)
  • la presenza di un team multidisciplinare composto da oncologo, anatomopatologo, radioterapista, urologo, geriatra e radiologo

 

Trattamento Chirurgico
Trattamento radioterapico
Tecniche sperimentali 

Oltre alle tecniche tradizionali in casi selezionati è possibile sottoporre il paziente a terapia ablativa come: 

  • la crioterapia prostatica, una procedura minimamente invasiva, che viene eseguita inserendo aghi specifici chiamati “criosonde” nella prostata attraverso il perineo, la zona tra lo scroto e l’ano. Dopo che le criosonde sono state inserite, il congelamento della ghiandola prostatica viene eseguito utilizzando gas Argon.
  • la termoablazione prostatica HIFU (High Intensity Focussed Ultrasound) una terapia mininvasiva per il carcinoma della prostata, che si prefigge la termoablazione della ghiandola mediante ultrasuoni focalizzati ad alta energia, capaci di generare nel tessuto prostatico temperature di 80 - 95 °C.
     
Fondazione Poliambulanza Regione Lombardia Ministero della salute

Tumore della prostata: sintomi, terapie, approfondimenti Poliambulanza


Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero | Brescia, via Bissolati, 57- Tel. +39 030-35151 P.iva 02663120984, N.REA BS468431

Tutte le informazioni contenute nel sito sono da ritenersi esclusivamente informative.

La Fondazione Poliambulanza - Istituto Ospedaliero non si assume la responsabilità per danni a terzi derivanti dall'uso improprio o illegale delle informazioni riportate o da errori relativi al loro contenuto.


Privacy | Cookie policy | Credits