Patologie

Nevi

I nevi, comunemente conosciuti come nei, sono lesioni pigmentate della pelle o delle mucose, che si presentano a causa di uno sviluppo anomalo dei melanociti o delle cellule neviche.
Generalmente appaiono come macchie circoscritte, di diversi gradi di pigmentazione, dalla forma rotondeggiante o ovalare e piane o in rilievo.
Queste lesioni pigmentate coinvolgono quasi tutti i soggetti, in quantità eterogenee, e compaiono durante l’infanzia o l’adolescenza; con il passare degli anni possono subire cambiamenti nella consistenza, diventando più morbidi o più duri, e nel colore, schiarendosi. 
Esistono diverse classificazioni di nevi:

  • giunzionale: marrone/nero, solitamente piatto o leggermente rilevato (1-10mm)
  • composto: marrone, rilevato (3-6 mm)
  • intradermico: color carne/marrone, liscio ricoperto da peli o verrucoide e rilevato dai 3 ai 6 mm
  • halo nevus (nevo alonato): nevo circondato da un anello di 2-6mm di cute pigmentata
  • nevo blu: grigio-bluastro, solitamente piatto o rilevato (2-4 mm)

Generalmente è difficile che un nevo si trasformi in un melanoma, ma è ugualmente consigliato effettuare un controllo periodico in presenza di un numero elevato di nevi benigni.
 

Cause

Le cause dello sviluppo di lesioni pigmentate non sono del tutto note, nonostante ciò sembrano dipendere da:

  • fattori genetici
  • stato immunitario
  • esposizione alle radiazioni ultraviolette 
  • certi trattamenti farmacologici 
  • sensibilità ormonale, specialmente durante l’adolescenza o in gravidanza

Possono essere congeniti, presenti fin dalla nascita, o acquisiti, sviluppandosi quindi durante il corso della vita.

Sintomi

I nei sono lesioni cutanee asintomatiche che si presentano con caratteristiche cliniche varie, a seconda della forma, del colore, del numero e della localizzazione. È importante praticare un’auto osservazione e recarsi dal medico in caso di nei sospetti che possono evolversi in melanomi.

Diagnosi

È buona norma sottoporsi periodicamente al controllo dei nevi, sia in età adulta che in età infantile, e soprattutto in caso di lesioni congenite e di gravidanza. La visita consigliata è la mappatura dei nei, durante la quale il dermatologo ispezionerà l’intera superficie cutanea alla ricerca di neoformazioni neviche, analizzandone la struttura morfologica esterna e le caratteristiche degli strati sottostanti il derma superficiale. 
L’indagine permetterà al medico specialista di archiviare su un computer le immagini dei nevi sospetti, così da confrontarle con quelle registrate a distanza di mesi o anni, individuando eventuali segni di alterazione.

Trattamento

I nevi benigni sono formazioni cutanee che non prevedono particolari trattamenti. 
Possono essere asportati per 3 motivi:

  • prevenzione, in caso di melanoma
  • funzionale, in caso di localizzazione in aree sottoposte a ripetuti traumatismi
  • valore estetico
     
Fondazione Poliambulanza Regione Lombardia Ministero della salute

Nevi


Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero | Brescia, via Bissolati, 57- Tel. +39 030-35151 P.iva 02663120984, N.REA BS468431

Tutte le informazioni contenute nel sito sono da ritenersi esclusivamente informative.

La Fondazione Poliambulanza - Istituto Ospedaliero non si assume la responsabilità per danni a terzi derivanti dall'uso improprio o illegale delle informazioni riportate o da errori relativi al loro contenuto.


Privacy | Cookie policy | Credits