Menu
Fondazione Poliambulanza Brescia telefono

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Il 25 maggio 2018 è il giorno in cui il nuovo Regolamento UE 2016/679 sarà direttamente applicato in tutti i Paesi dell’Unione Europea e andrà a sostituire molte delle previsioni del Codice della Privacy (Dlgs 196/2003)  vigente oggi in Italia. 
Il General Data Protection Regulation garantendo una maggiore protezione della privacy,  intende regolamentare a livello europeo il trattamento e la gestione di  dati personali, che  saranno quindi fruibili  solo rispettando rigorosamente quanto disposto dalle norme del GDPR  e dal decreto abrogativo.

 

Tale argomento riguarda  anche l’Ufficio Relazioni con il Pubblico che, in ragione di quanto precisato, è tenuto ad adeguarsi alla nuova disposizione europea;  per una maggiore tutela del paziente, non saranno più accettati  reclami telefonici data l’impossibilità di identificazione del segnalante, inoltre ogni verifica documentale o risposta relativa ai quesiti sanitari, richiederà l’esibizione di un documento d’identità dell’interlocutore  e di una delega firmata dal paziente.


La tutela dell’assistito viene esercitata da Poliambulanza attraverso una pluralità di comportamenti volti a responsabilizzare gli operatori di ogni ordine e grado verso i diritti dei pazienti. 

L’Ufficio Relazioni con il Pubblico è tenuto a:

  • fornire informazioni generali
  • ascoltare e comprendere le aspettative e i bisogni degli utenti
  • raccogliere osservazioni e suggerimenti, reclami o lamentele per disservizi o comportamenti non corretti da parte del personale, dei pazienti e di coloro che entrano in contatto con la struttura.

 
Le segnalazioni vanno inoltrate dal paziente o da persona delegata:

  • per iscritto al seguente indirizzo di posta elettronica: urp@poliambulanza.it;
  • di persona presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico (Area C piano 1°) dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00;


L’URP, nel caso in cui debba espletare la relativa istruttoria, fornirà una risposta scritta, di norma entro 30 giorni, esclusivamente a coloro che avranno inoltrato la segnalazione per iscritto o via e-mail, e ove dovuto, avendo avuto cura di produrre la documentazione  necessaria all’istruzione della pratica (delega e copia documento identità delegante), nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (Regolamento Generale per la protezione dei dati 679/2016)
 
Di norma, le segnalazioni dovranno essere presentate, nei modi sopra indicati, entro 15 giorni dal momento in cui l'interessato/a abbia avuto conoscenza dell'atto, comportamento, situazione, omissione, ecc. lesivo dei suoi diritti, come disposto dall'art. 14, comma 5 del D.Lgs 502/92, così come modificato dal D. Lgs 517/93.
 
Ricordiamo che le segnalazioni anonime non vengono prese in considerazione.